Chi Siamo

Qualche parola per raccontare

Chi siamo

Un’associazione culturale che nasce a Salerno nel 2012 con il nome Erre Teatro; nel nostro decimo anno di attività, il 2022, decidiamo di cambiare nome in Ablativo.

Confluiscono, in questa scelta, le domande sul senso del fare teatro oggi, sugli orizzonti tutti ancora da esplorare tramite le arti sceniche, le riflessioni sulle propensioni già in atto, la volontà di rimanere fedeli alle nostre linee poetiche, ma in un’ottica più dinamica, flessibile, permeabile. Ablativo, infatti, è il caso della lingua latina che esprime i complementi di tempo, di modo, di luogo, di argomento, e corrisponde, in modo più fedele, alla volontà di declinare, in una chiave più ampia, la natura delle nostre idee e dei nostri progetti.

Le pagine fondamentali della nostra

Storia

Nei primi anni, le nostre attività si configurano come piccole finestre sul teatro italiano contemporaneo, brevi rassegne e/o ricerche monografiche per autori e regioni, come Teatrografie, Per voce sola, GEOgrafie. Sono anni di transizione, in bilico tra l’episodicità delle prime sortite e il desiderio di strutturare una proposta teatrale – e una visione culturale – che ambisse a diventare permanente.

Nel 2016 prende vita il progetto Mutaverso, la nostra stagione teatrale a Salerno, che si configura come un invito, rivolto al pubblico, a scoprire o rinnovare la passione per il teatro.

Prende forma, nel frattempo, anche il desiderio di sperimentare nuove forme di messa in scena: la prima delle cinque edizioni di Teatri in blu a Cetara (Sa) si realizza nell’estate del 2017 a bordo della Tonnara Maria Antonietta. La pandemia spinge il progetto a un’evoluzione: dal “piccolo” palcoscenico in navigazione, la programmazione si sposta sulla terraferma, nelle location più suggestive del borgo marinaro. Oggi, il progetto, ampliato nelle sue forme, proposte, linguaggi, e in legame sempre più stretto con il fascino e la teatralità del luogo, ha il nome di Frangenti.

Il nostro piccolo ma ricco

Staff

Vincenzo Albano è co-founder e legale rappresentante della nostra associazione, nonché responsabile artistico e organizzativo sin dalla sua fondazione. Le attività sono portate avanti dal nucleo composto da Vincenzo Albano e Stefania Tirone, educatrice musicale e content creator entrata nell’organico nel 2015.

Contribuiscono alla realizzazione dei diversi progetti altri consulenti, collaboratori e giovani professionisti del contesto campano.

Vision

Il nostro sogno

Scrivere una storia di lenti e profondi mutamenti; essere motivatori di passioni, curiosità, scoperte; essere pionieri di un progetto a lungo termine che metta al centro la conoscenza e la diffusione delle arti come valore ineludibile delle politiche territoriali, anche in funzione turistica, ambientale ed economica; costruire comunità di interessi attorno al teatro, alla musica, alle espressioni della letteratura e della poesia; favorire incontri tra persone e saperi non sempre in contatto tra loro; stimolare un graduale avanzamento della capacità di accoglienza di proposte non tradizionali, dei linguaggi del contemporaneo, anche attraverso pratiche inclusive e democratiche, sollecitando una modifica della dialettica tra domanda e offerta.

Mission

Cosa facciamo per realizzarlo

Attraverso il teatro e le arti performative, attiviamo percorsi diversificati, trasversali e strategici, più ampiamente culturali. Sotto il segno della parentesi graffa – simbolo di apertura e allo stesso tempo di unione – proviamo a legare:

  • Luoghi | spazi urbani, canonici e conosciuti, oppure naturali, architettonici e ignoti; spesso abitati ma non vissuti, occupati ma non agìti. Ne promuoviamo la cura e la valorizzazione come patrimonio collettivo;
  • Persone | promuoviamo attività culturali che rispondano al bisogno di stabilire relazioni significative tra persone, individui e artisti;
  • Arti | il teatro, lo spettacolo e le arti performative non sono esibizioni, eventi, ma processi, capaci di generare benessere, sociale e culturale. Ricerchiamo intenzionalmente forme di espressione in grado di coinvolgere anche spazi e contesti comunitari, e di interessare livelli percettivi differenti.
  • Fantasie | le arti interagiscono con i pensieri, gli stili, i gusti delle persone; stimolano nuove idee, disegnano traiettorie di pensiero, generano nuovi immaginari. Ne facciamo materia di lavoro, di azione creativa e politica; ne consideriamo le suggestioni come basi per l’accadimento di fatti.

Values

Con quali principi

Coerenza
La creazione artistica stimola abbandoni romantici, spinge verso soglie emotive oltre che culturali. In questo senso, è importante per noi il valore delle parole, per la loro capacità di produrre effetti, per la prospettiva multiforme, reale o irreale che sia, dalla quale ci consentono di guardare la vita. Nutriamo curiosità verso forme originali di scrittura e prestiamo attenzione alla dinamica dei processi creativi, dalla loro ideazione al loro sviluppo. Orientiamo le nostre scelte artistiche in modo responsabile e coerente a questa linea poetica.

Audacia
Perseguire una certa qualità nella proposta, significa per noi dialogare con artisti e compagnie in grado di lavorare anche in forme minute e artigianali rendendo, in questo modo, possibile qualcosa che prima sembrava non esserlo. Cerchiamo, con ostinazione, il confronto con quanto avviene su scala nazionale; rilanciamo di continuo in termini di rischio della proposta, rispettando sempre il nostro pubblico e la dignità professionale gli artisti ospitati.